<

Oltre liberali e sovranisti: diciamoci conservatori

Non sono i risultati delle elezioni regionali il punto di svolta che richiede al centrodestra di ripensare se stesso e di conseguenza il mondo. È la pandemia, di cui certo il voto recente è in parte figlio. Un lungo articolo del Wall Street Journal di ieri spiegava che con il virus dovremo convivere probabilmente fino al 2022, ma che gli effetti sociali e politici andranno ben oltre: se non tutto, molto non potrà tornare ad essere più come prima. Siamo insomma in una nuova fase: la formul...